Centro informazioni BenQ

Come configurare le preferenze di colore nelle impostazioni dei colori di Adobe Photoshop

Mark Wood
2017/04/20

Fine Art and Commercial Photographer / UK

Photographer Mark Wood splits his time between commercial work and teaching, whilst ensuring he makes time for his personal projects. Mark trained as a printmaker, utilizing the traditional techniques of etching and lithography to create fine art print, before moving to digital print in the mid 90’s.

Questo è il mio secondo post in una serie di tutorial, saggi e video che mirano a mistificare la gestione del colore. Qui tratto un argomento molto banale. Senza alcun clamore o fanfara, Adobe Photoshop gestirà il colore delle tue foto, ma le preferenze predefinite potrebbero non produrre i risultati migliori. Capire come modificare le impostazioni del colore in Photoshop è una parte importante di un flusso di lavoro per la gestione del colore affidabile. Alcune parti della gestione del colore sono emozionanti, poiché rivelano le possibilità di nuovi processi creativi. Questo argomento non è una di quelle, ma è comunque importante. Sto usando Photoshop perché è ampiamente utilizzato in fotografia.

L’uso che faccio della lettera “u” nella parola inglese “colori” (colours) è rivelatore; sono inglese. Anche la tua posizione geografica è importante. Idealmente le impostazioni del colore di Photoshop dovrebbero essere basate sul tuo paese. La ragione di ciò sarà chiara più tardi.

Nel 1996 ho toccato tutti e quattro gli angoli dell’universo di Photoshop, e da allora l’applicazione è cresciuta esponenzialmente. Molti dei luoghi più oscuri di Photoshop sono raramente visitati, quindi faremo luce sulle Impostazioni colore In Adobe Photoshop. Il tutorial richiederà pazienza e un’attenta lettura. Ripeto, questa roba è un po’ noiosa e raramente trattata dalle riviste, che preferiscono argomenti più interessanti. Se non sei sicuro del lato pratico di questo tutorial, leggilo comunque e magari segui alcune lezioni di Photoshop.

I passaggi 1 e 2 spiegano come ripristinare le impostazioni del colore di Photoshop se qualcosa va storto. Giocherellare con Photoshop può essere stressante, ma voglio che tutto sia più chiaro possibile. La tua ricompensa per questo viaggio dovrebbe essere una maggiore fedeltà nella stampa e nell’output a video.

Un primo sguardo alle impostazioni del colore...

1. Seleziona Modifica > Impostazioni colore...

2. L’impostazione predefinita è North America General Purpose 2. Le versioni precedenti di Photoshop potrebbero elencarlo come North America General Purpose. Prendi nota dell’opzione selezionata nel menu a discesa Impostazioni sul tuo sistema, che potrebbe non essere North American General Purpose, e scrivilo. Questo è il tuo salvagente: nel caso in cui i tuoi esperimenti non funzionassero, seleziona l’impostazione predefinita che trovi qui, ad esempio il North America General Purpose 2, e le impostazioni del colore verranno ripristinate.

Tuttavia, se il menu elenca Impostazioni come personalizzate, hai già apportato modifiche alle tue Impostazioni di colore. Ti suggerisco di leggere questo tutorial. Al punto 10 imparerai come salvare le tue impostazioni personalizzate. Una volta imparato come salvare le tue impostazioni personalizzate puoi tornare a seguire questo tutorial dal passaggio 3 in poi.

Nota che: Non verranno apportate modifiche alle Impostazioni colore finché non fai clic su OK nella finestra. Ricorda che è possibile fare clic su Annulla per uscire dalle Impostazioni colore senza apportare modifiche.

3. Fai clic fuori dal menu Impostazioni per chiuderlo.

4. Sposta il cursore sugli elementi della finestra Impostazioni colore: mentre passi con il puntatore del mouse su titoli, menu e caselle, il campo Descrizione nella parte inferiore della finestra fornisce una definizione di ciascun elemento. La terminologia forse è un po’ opaca, quindi esaminiamo l’essenziale.

Messaggi di avviso, alcuni importanti, altri meno

5. Consulta la sezione Politiche di gestione del colore della finestra. Le caselle per Non corrispondenza profilo e Profili mancanti non sono selezionate.

6.Usa il menu Impostazioni per selezionare Nord America Prepress (2). Ora tutte le tre caselle sono selezionate. Questa può essere vista come l’impostazione professionale. Con queste caselle selezionate Photoshop ti avviserà ogni volta che prende una decisione sulla gestione del colore.

Nella Figura 04, l’avviso di cattura dello schermo avverte che la fotografia che viene aperta ha un profilo ProPhoto RGB, ma Photoshop è attualmente impostato per funzionare con Adobe RGB (1998). L’azione predefinita è Usa il profilo incorporato (invece dello spazio di lavoro). E questo è esattamente ciò che Photoshop avrebbe fatto se la casella Profilo non corrispondente non fosse stata selezionata; avrebbe aperto la foto effettuando delle modifiche.

L’avvertimento può sembrare irrilevante e per molti fotografi che hanno due dei tre avvisi di profilo selezionati non è strettamente necessario.

Pensa agli avvertimenti come dovuti al fatto che Photoshop sta gestendo i colori per te, ma possono comunque essere fastidiosi. Tuttavia, ti consiglio di selezionare la casella Profili mancanti. Se una fotografia è “senza tag”, ovvero non è stato applicato alcun profilo colore, Photoshop indovinerà i colori per te. Assumerà che un’immagine “senza tag” sia sRGB. Le fotografie tendono ad essere sRGB, Adobe RGB (1998) o ProPhoto RGB. Se la fotografia ProPhoto RGB non è contrassegnata ed è stata aperta supponendo che si trattasse di un’immagine sRGB, il colore sarà terribile.

Mi piace vedere gli avvertimenti per le foto “senza tag”, quindi se una foto di questo tipo dovesse venire aperta in Photoshop e i colori dovessero apparire orribili, posso capire perché.

È importante che tutte le immagini digitali abbiano un profilo colore assegnato. Le fotocamere, gli scanner e altri dispositivi di input applicheranno i profili per impostazione predefinita, ma è molto semplice salvare un file in Photoshop e non includere il profilo.

Questa è la finestra Salva con nome di Photoshop, la casella per Incorpora profilo colore è selezionata. In questo caso, un profilo ProPhoto RGB verrà taggato sulla fotografia. Finché i profili colore sono utilizzati correttamente, molti problemi di gestione del colore saranno risolti.

Torniamo alla finestra Impostazioni colore. Avendo scritto così tanto solo per coprire un aspetto di una finestra in Photoshop, potresti sentirti perplesso e preoccuparti che questo tutorial diventi un’epopea. Tuttavia, non è necessario spiegare ogni aspetto della finestra Impostazioni colore. Per riassumere, Photoshop gestisce il colore dietro le quinte e puoi attivare avvisi che ti avvertono del funzionamento interno di Photoshop. La cosa più importante è che tutte le fotografie dovrebbero essere contrassegnate con un profilo colore.

Impostazione della posizione

Per molti la scelta di una posizione è il primo passo. Per una persona che lavora in Gran Bretagna, scegliere una delle impostazioni europee sarebbe appropriato. Esistono anche impostazioni per il Giappone e il Nord America, ciascuna regione ha tre sottocategorie; generale, prestampa, web/Internet.

Come impostare le impostazioni del colore

Indipendentemente dalla tua regione, Generale è l’opzione migliore per i neofiti della gestione del colore. L’impostazione Web/Internet farà sì che le conversioni di colore avvengano automaticamente, quindi assieme a Prestampa è meglio lasciarlo perdere, per ora.

7. Scegli l’impostazione Generale per la tua regione geografica. Nella figura 07 ho selezionato Europe General Purpose (3), perché sono residente in Inghilterra.

8. Come suggerito all’inizio, è consigliabile far apparire un avvertimento se un file non ha un profilo. La figura 08 mostra la selezione di Profili mancanti. Una volta selezionata questa casella, il nome delle Impostazioni diventa Personalizzato. Ora è un buon momento per salvare le tue impostazioni personalizzate, anche se potresti voler impostare un’opzione aggiuntiva.

9. Alcune persone sostengono che sia una buona idea avere la Gamma dei grigi corrispondente a quella del colore RGB. Visto che uso la modalità RGB per le foto in bianco e nero, raramente utilizzo la scala di grigi ma, se volessi fare un tale abbinamento, farei clic sul menu Grigio in spazi di lavoro e selezionerei Gray Gamma 2.2, quando il mio spazio di lavoro RGB è sRGB.

10. Visto che non voglio perdere tempo a riconfigurare le mie Impostazioni colore, salvo la mia come predefinita. Nella finestra Impostazioni colore fai clic su Salva... Si apre una finestra di salvataggio, gli utenti di MS Windows vedranno una finestra diversa, sebbene il principio rimanga lo stesso; assegna un nome al tuo preset, ad esempio (le tue iniziali)-general-photo. Non modificare la posizione predefinita per il salvataggio del preset.

11. Facendo clic su Salva si apre una finestra aggiuntiva in cui è possibile aggiungere un commento alle proprie Impostazioni di colore. Nella Figura 11, ho scritto, “Impostazione personalizzata per la fotografia generale, adatta a fotografi di eventi o matrimoni che usano un laboratorio fotografico professionale”. Scrivo sempre qualcosa in questo campo, perché a volte ho bisogno di ricordare i ragionamenti passati.

Impostazioni di colore utente avanzate

I passaggi da 12 a 15 illustrano le impostazioni di colore predefinite, che richiedono una maggiore considerazione rispetto alle impostazioni di base descritte nei passaggi da 7 a 11. Poiché il mio flusso di lavoro utilizza Lightroom e Photoshop, ho impostato ProPhoto RGB come spazio di lavoro RGB. Questo è il default di Lightroom, quindi voglio che con Photoshop sia lo stesso.

12. Per le impostazioni utente avanzate, che potrebbero causare molti avvisi e che richiedono la conversione sRGB per la stampa da parte di un laboratorio fotografico, ho impostato Prepress come punto di partenza. Nella Figura 12 è stato selezionato Europe Prepress 3.

13. Cambia lo spazio di lavoro da RGB a ProPhoto. Ora Photoshop avrà lo stesso spazio cromatico RGB sintetico di Lightroom. Come nel passaggio 9, se voglio che la gamma della scala di grigi corrisponda a ProPhoto RGB, è necessario impostare Grigio su Grigio Gamma 1,8. Potrei discutere qui delle impostazioni per la gamma di 1,8, 2,2 o superiore ma, ripeto, la maggior parte dei fotografi mantiene le proprie fotografie in bianco e nero in modalità RGB, e quindi monocromatiche

14. Fai clic su Salva... nella finestra Impostazioni colore. Dai alla tua impostazione personalizzata un nome appropriato. I più attenti avranno notato un pulsante Carica.... Puoi usarlo quando condividi le impostazioni tra più utenti. Uno stampatore potrebbe inviare le proprie impostazioni di colore preferite ai designer, così che le possano utilizzare nei loro progetti da stampare. Nella fotografia questa opzione è meno rilevante.

15. Se hai seguito tutti i quindici passaggi, avrai due impostazioni colore personalizzate tra cui scegliere. Per quanto banale possa sembrare, è necessario evitare conversioni di colore non necessarie e, una volta salvate le impostazioni, è possibile tornare alle attività più creative.

Per concludere, ho trovato queste impostazioni importanti. Lavorando in un’ampia gamma di discipline tra cui video, stampa e fotografia, mi sento rassicurato dal fatto che Photoshop gestisca il tono e il colore. Nel prossimo post di questa serie ti mostrerò come calibrare un display cruciale per colori.

Ulteriori informazioni sull’Accuratezza del colore

TOP