Centro informazioni BenQ

Le luci bianche/calde influenzano non solo i colori, ma anche il ritmo giorno/notte!

Wit Screenbar LED reading light
2019/03/06
Luce per la lettura elettronica BenQ Wit

La vita è piena di luce. Il Premio Nobel 2017 in Fisiologia o Medicina è stato assegnato per la scoperta di meccanismi molecolari che controllano il ritmo circadiano. Usando i moscerini della frutta come un organismo modello, gli scienziati hanno identificato un gene che controlla una proteina che regola il ritmo circadiano. Un orologio fisico esterno cambia con il giorno e la notte, mentre un orologio biologico interno (chiamato anche “orologio biologico”) adatta la nostra fisiologia alle fasi della giornata; questo è noto come ritmo circadiano.

In che modo i ritmi circadiani influenzano i meccanismi all’interno di un corpo umano?

Il nucleo soprachiasmatico (SCN) del cervello prende segnali esterni dalla luce e dai messaggi del corpo per coordinare il sistema nervoso autonomo che modula la secrezione di melatonina e corticosteroidi surrenali. I due ormoni segnano i ritmi interni del nostro corpo regolando l’orologio biologico e molte altre funzioni del corpo.

La luce attorno a noi è in grado di stimolare l’SCN e influenzare i cicli fisiologici del corpo umano, causando sfasamento. Come mostrato nella Figura 1, uno stimolo, in questo caso la luce che entra negli occhi, durante il crepuscolo e la notte avrà un effetto ritardante sul ritmo circadiano. Di conseguenza, ci addormentiamo e ci svegliamo più tardi, e questo a sua volta influisce sul tempo in cui siamo a scuola o al lavoro. Nella pratica clinica, la terapia della luce viene applicata per trattare i disturbi del sonno di chi lavora di notte. Prima di andare a letto, la ghiandola pineale rilascia nel cervello quantità adeguate di melatonina per ricordarci che è ora di andare a dormire. È così che la luce influisce sul ritmo circadiano. Una buona illuminazione può aiutare notevolmente la sincronizzazione del ritmo circadiano, migliorare la qualità del sonno e le funzioni cognitive.

Figura 1: Ritmo circadiano ed effetto sfasamento (Fonte: wikipedia)

Scegli fra bianca o calda quella che per te è la luce migliore!

Nel quotidiano, siamo esposti in prevalenza alla luce bianca/blu e alla luce calda. È la temperatura del colore che le differenzia! La temperatura del colore è la temperatura di un corpo nero radiatore che emette luce di diversi colori, dal rosso all’arancio al giallo al blu, quando viene riscaldato a diverse temperature. Più bassa è la temperatura del colore, più il colore diventa giallo/caldo; quando la temperatura del colore aumenta, il colore passa dal bianco al blu. I colori dell’illuminazione influenzano la secrezione di melatonina. Rispetto alla luce calda, la luce bianca contiene più spettro di blu. Con la luce bianca rimaniamo più vigili, poiché questa inibisce la secrezione di melatonina. Al contrario, la luce calda ha poco effetto sulla secrezione di melatonina. Ecco perché ci sentiamo più rilassati con una luce calda. Per soddisfare le esigenze di lavoro individuali dovremmo scegliere l’illuminazione adeguata. Al lavoro, la luce bianca ad alta temperatura di colore ti aiuta a rimanere concentrato, mentre la luce calda a bassa temperatura di colore (<3000K) è preferibile quando hai bisogno di rilassarti leggendo un po’, poiché influenza pochissimo la secrezione di melatonina e ti permette di rilassarti e diminuire l’attenzione prima di andare a letto per dormire meglio e prepararti per la prossima meravigliosa giornata.

 

La maggior parte delle persone, al giorno d’oggi, trascorre il 90% del proprio tempo all’interno di un edificio. L’illuminazione interna è diventata importantissima per la generazione attuale. A differenza degli ambienti esterni, dove sono presenti varie temperature di colore, gli ambienti interni sono spesso condizionati da una fonte di illuminazione fissa con una temperatura di colore fissa. L’illuminazione influenza il nostro ritmo circadiano, così come la qualità del sonno e la salute.

ritmo della luce notturna/diurna

Figura 2: Effetti della luce bianca e della luce calda sulla nostra vita

Come suggerito in studi precedenti, le cellule gangliari retiniche intrinsecamente fotosensibili (o ipRGC) hanno un effetto significativo sull’orologio biologico nel nostro corpo. La luce diurna è composta da una percentuale più elevata di luce blu, che inibisce la melatonina ma aumenta la melanopsina. Dopo aver assorbito la luce, la proteina innesca una reazione chimica in cui gli elettroni vengono ritrasmessi alle cellule. Gli studi indicano che i fotorecettori delle cellule gangliari contenenti melanopsina aiutano il cervello a distinguere il giorno dalla notte, rendendo le persone più vigili durante il giorno. Pertanto, se vuoi sentirti in forze durante il giorno, magari senza bisogno di bere caffè, tutto ciò che devi fare è alzare la temperatura del colore dell’illuminazione attorno a te. Secondo il Lighting Research Center del Rensselaer Polytechnic Institute, un cambiamento nell’illuminazione (ovvero la regolazione della temperatura del colore) in un’azienda influisce positivamente sul ritmo circadiano e sulla qualità del sonno degli impiegati, oltre a mantenere i loro livelli di efficienza quotidiana.

 

La generazione moderna tende ad avere difficoltà ad addormentarsi, probabilmente a causa della luce blu emessa dagli schermi utilizzati prima di dormire. Utilizzando una luce rossa o un’app con filtro della luce blu sarà più semplice migliorare la qualità del sonno. Regola la tua routine quotidiana migliorando il ritmo circadiano. Un buon punto di partenza potrebbe essere cambiare la temperatura del colore dell’illuminazione interna.

TOP