Centro informazioni BenQ

Processo di Soft Proofing in Photoshop per stampare con colori uniformi

Glyn Dewis
2018/01/01

Beauty,Portrait Photographer/ UK

Glyn Dewis is a photographer, author and educator currently based just outside of Oxford in the UK.

Soft Proofing in Photoshop

Ora che abbiamo completato il processo di Soft Proofing con Lightroom, ecco una rapida panoramica su come possiamo fare lo stesso con Photoshop.

Passaggio 1:

Con un’immagine aperta in Photoshop che hai già ritoccato e che ora desideri mandare in stampa, vai su IMMAGINE > DUPLICA e, nella finestra di dialogo, assegna un nome alla copia duplicata; qualcosa come COPIA PER PROOF per sapere qual è la versione Soft Proofing su cui lavorerai.

Fatto ciò, ora vogliamo impostare lo schermo in modo da avere l’Immagine originale a sinistra e la Copia di prova a destra; proprio come abbiamo fatto in Lightroom. Per fare ciò, fai clic sulla scheda dell’immagine originale, quindi seleziona FINESTRA > DISPONI > 2 IN VERTICALE (figura 13).

Adesso abbiamo l’originale a sinistra e la copia di prova a destra (figura 14)

Passaggio 2:

Ora vai a VISUALIZZA > IMPOSTA PROVA > PERSONALE (figura 15)

Qui è dove vedrai tutti i profili ICC elencati che hai installato più una serie di altri profili, come quelli che hai creato quando hai calibrato il monitor. Tutto quello che dobbiamo fare ora è semplicemente scegliere il profilo ICC pertinente per la carta / supporto sul quale vogliamo stampare l’immagine e il processo è esattamente lo stesso di quello che ho spiegato in precedenza per Lightroom; questa volta è però possibile utilizzare tutte le funzioni di Photoshop per fare in modo che la copia di prova sulla destra corrisponda all’immagine originale (Prima) sulla sinistra.

Una volta fatto, salva e carica al tuo laboratorio fotografico preferito.

Domande e risposte

Quindi questo è, in breve, il Soft Proofing e il processo (in Lightroom) che uso e che mi dà costantemente risultati di cui sono incredibilmente soddisfatto.

Quando ho affrontato questo processo durante una trasmissione LIVE sul mio canale YouTube, ho ricevuto alcune domande pubblicate nella chat: ho pensato di includere qui le più comuni e le relative risposte:

Domanda 1: Aggiungi contrasto durante il flusso di lavoro?

Se hai visto uno dei miei video di ritocco, vedrai che aggiungo contrasto in modo selettivo all’immagine per attirare l’attenzione degli spettatori e per dare maggiore profondità e dimensione. Tuttavia, anche quando esporto da Lightroom prima di mandare in stampa, aggiungo ulteriore contrasto a tutta l’immagine. Lightroom offre 3 processi di contrasto aggiuntivi sul comando Esporta: Basso, Standard e Alto. Quale usare dipende da dove viene stampata l’immagine, ma di regola: Alto con il tessuto, Medio per la carta lucida e Basso per Metallo/Alluminio.

Domanda 2: Esporti le immagini in sRGB prima di inviarle al laboratorio?

In una parola, no. Stampo con Loxley Color, che può stampare in Adobe RGB. Quindi, scatto in Adobe RGB e modifico in Lightroom e Photoshop in Adobe RGB, e faccio lo stesso per la stampa. Per me ha senso mantenere tutto allineato quando si tratta di colore e stampa.

Domanda 3: C’è un’opzione per la correzione del colore gratuita quando ordino le stampe dal laboratorio. Lo uso?

Assolutamente, al 100%, NO! Se hai calibrato il monitor e hai fatto il Soft Proofing, non far fare la correzione del colore anche al laboratorio. Hai fatto tutto il possibile per garantire stampe fantastiche; scegliere questo servizio significa farsi un autogol e rovinare tutto.

Domanda 4: Esiste un profilo ICC sicuro / generale da utilizzare se il mio cliente si arrangia a stampare i file?

Ancora una volta, in una parola, no. I profili ICC sono creati dai produttori per particolari combinazioni di carta e stampanti e vengono forniti dalla maggior parte dei laboratori in base alla carta che usano. Per quanto mi riguarda, se non sapessi cosa usano non applicherei alcun profilo ICC.

Domanda 5: Ho installato un profilo ICC ma l’opzione Simula carta e inchiostro non è selezionabile. Come mai?

Non tutti i profili ICC sono creati allo stesso modo e con ciò intendo che non tutti i profili ICC hanno la funzionalità Simula carta e inchiostro incorporata.

Domanda 6: Se stai inviando molti file di immagini al laboratorio per la stampa su supporti diversi, come fa Loxley a distinguerli?

Tutto dipende dal nome che do ai file prima di inviarli. Ad esempio, il nome di un file potrebbe essere composto così: nome_dimensione_profilo/carta che potrebbe essere qualcosa del tipo: brian_24x16_LoxleyColour-Alumini

Tenendo presente che Loxley Color riceve solo il file che voglio stampare, etichettare in questo modo mi aiuta a ricordare la dimensione del modello e la carta/supporto scelti.

Ulteriori informazioni sull’Accuratezza del colore

TOP