Centro informazioni BenQ

Perché i colori appaiono diversi a seconda del dispositivo?

2017/01/09

Guardiamo le quattro fotografie mostrate di seguito. Ognuna delle foto è visualizzata su quattro monitor diversi. Notate come i colori sembrino diversi. Prima dell’implementazione della gestione del colore sui quattro dispositivi, ci sono differenze di colore visibili causate da diverse tecnologie hardware e impostazioni di colore. Per fare un esempio, le impostazioni di colore predefinite, la temperatura del colore, la saturazione e il contrasto che si possono trovare su un qualsiasi monitor in casa generalmente riproducono i colori per un uso normale. Ma, per le aziende che lavorano con la stampa, i freelance e i professionisti il cui lavoro richiede precisione, la gestione del colore diventa un elemento essenziale del flusso di lavoro.

Anche i monitor dello stesso modello hanno differenze di visualizzazione dei colori a causa delle deviazioni dei moduli di retroilluminazione e dei filtri di colore. La calibrazione può ridurre le differenze di colore fra i dispositivi.

In basso ci sono dei dispositivi che usano diversi sistemi di colori per produrre un colore. I dispositivi ottici usano una miscela di colore additivo mentre i dispositivi di stampa usano una miscela di colore sottrattiva.

1.Dispositivi di input ottici: fotocamere, scanner

2.Dispositivi di output ottici: schermi dei monitor, videoproiettori

3.Dispositivi di stampa: stampanti

Colore additivo

La teoria dei colori additivi dice che i colori vengono prodotti miscelando la luce, nello specifico rossa, verde e blu. Questi tre colori vengono chiamati colori primari per il modello di colore additivo. Gli altri colori possono essere creati miscelando diverse quantità di luce rossa, verde e blu per creare i colori secondari: ciano, magenta e giallo. Miscelando luce rossa e verde si ottiene luce gialla. La sovrapposizione di luce verde e blu produce il ciano. Combinando la luce blu e rossa si crea il magenta. Quando si uniscono i tre colori principali si ottiene la luce bianca.

Il comune spazio di colore RGB usa il modello del colore additivo dove la luce rossa, verde e blu vengono mescolate in diverse quantità per creare un’ampia gamma di colori.

Colore sottrattivo

Nel sistema di colore sottrattivo, i colori vengono prodotti miscelando i coloranti. Alcuni colori di luce sono assorbiti (sottratti) dai coloranti mentre altri vengono riflessi e visti da chi osserva. I colori sottrattivi primari sono ciano (C), magenta (M) e giallo (Y). Miscelando giallo e ciano otteniamo il verde; miscelando giallo e magenta otteniamo il rosso e miscelando magenta e ciano otteniamo il blu. Nella teoria, la combinazione dei tre colori primari ci dovrebbe dare il nero, ma nella realtà il risultato è un marrone scuro. Per questo motivo viene aggiunto un quarto colore, il nero (K), per compensare il colore imperfetto prodotto dalla miscela dei tre colori primari.

Il modello di colore sottrattivo è noto come spazio di colore CMYK ed è composto da ciano (C), magenta (M), giallo (Y) e nero (K).

TOP