Centro informazioni BenQ

Recensione dell’SW320, il miglior monitor 4K per fotografi che si dedicano al fotoritocco

Andreas Moos
2017/05/24

BENQ SW320, la naturale evoluzione della famiglia SW

L’SW320 è un monitor dal design superbo con un’eccezionale risoluzione UHD, che non vorrei più non avere quando lavoro con Rhino. Il paraluce antiriflesso è davvero ben rifinito e le parti speciali per la protezione del lato lungo destro e sinistro del monitor sono incluse nella confezione. Per altri monitor bisogna acquistarlo a parte.

Dovremmo iniziare una recensione di un monitor parlando di un altro dispositivo? In questo caso è ovvio, perché BenQ ha già ottenuto un grande successo con l’SW2700PT. Quindi non mi sorprende che BenQ abbia ulteriormente sviluppato questa serie verso i 32 pollici e il 4K. Ho osservato questo monitor per un po’ di tempo durante l’uso quotidiano.

A novembre 2016, al FotoPlus di New York, BenQ ha annunciato il monitor per fotografi WideGamut da 31,5 pollici SW320 con risoluzione UHD e gestione del colore del 99% di AdobeRGB. Come risultato, ha alzato l’asticella del rapporto prezzo/prestazioni anche in questo segmento.

Caratteristiche principali:

  1. 31,5 pollici, 16:9, 3840 x 2160, pannello con tecnologia IPS a 10 bit reali.
  2. 99% di copertura Adobe RGB, 99% DCI-P3 e 100% sRGB.
  3. Fedeltà del colore con LUT 3D a 14 bit con Delta E <2.
  4. Software di calibrazione Palette Master Element con calibrazione hardware.
  5. Supporto per contenuti ad alta gamma dinamica (High Dynamic Range - HDR).
  6. Funzione di uniformità della luminosità.
  7. Funzione GamutDuo: Spazio colore doppio su uno schermo.
  8. Modalità Bianco e Nero avanzata.
  9. Colore certificato Technicolor. È uno standard di Hollywood per la fedeltà del colore e viene utilizzato nell’industria dei media e dell’intrattenimento. Tutti i dispositivi con colore certificato Technicolor mostrano i colori veri e originali.
  10. Le specifiche complete del dispositivo sono disponibili sul sito Web del produttore.

Ogni BenQ SW320 viene fornito con un rapporto di calibrazione in fabbrica. Tale rapporto contiene alcune informazioni molto utili tra cui le misurazioni dell’omogeneità e i rapporti DeltaE. Questo test è specifico per il monitor e legato al tuo dispositivo tramite il numero di serie. Questo garantisce che nessun monitor lasci la catena di produzione senza soddisfare i requisiti di alta qualità.

Le funzionalità per un monitor di questa classe sono ovviamente complete: Hub USB 3.0 con 2 porte - Lettore di schede - Displayport - Mini DisplayPort - Cuffie HDMI. Il connettore a sinistra fa parte dell’Hotkey-Puk per controllare comodamente il display su schermo.

Gamut Duo

Il BenQ SW320 è dotato di una nuova funzionalità molto interessante chiamata GamutDuo. Con GamutDuo è possibile visualizzare simultaneamente il contenuto in diversi spazi colore uno accanto all’altro per un confronto diretto. Per utilizzare la funzione GamutDuo è necessario attivare la modalità PIP/PBP nel menu del monitor. Qui è possibile visualizzare l’“Immagine” in due diverse modalità di colore, oppure 2 diversi segnali di ingresso in diverse modalità di colore. È inoltre possibile configurare le impostazioni nelle voci di menu Colore, gamma cromatica e temperatura del colore.

Calibrazione hardware

Come con tutti gli altri monitor che ho già visto, l’SW320 è regolato di fabbrica con un’eccessiva luminosità. La luminosità massima di 350 cd/m² non è adatta per il lavoro, ad esempio per il Softproof in Photoshop. Tutti dovrebbero quindi adattare lo schermo alle proprie esigenze.

A questo scopo è possibile utilizzare il software BenQ Palette Master Element. È in grado di effettuare la calibrazione hardware del monitor con una precisione di 10 bit. 10 bit significa: 1024 gradazioni per ogni canale di colore: sono possibili oltre 1 miliardo di colori.

Utilizza il software BenQ Palette Master Element e non il software di calibrazione del produttore del dispositivo di misurazione. In caso contrario non otterrai una calibrazione hardware ma solo una calibrazione software, ossia una regolazione del colore del monitor usando la scheda grafica. Oltre al software BenQ, è necessario anche un dispositivo di misurazione esterno. I dispositivi di misurazione compatibili sono disponibili da produttori come xrite e datacolor, e non sono inclusi nella confezione.

Il processo consiste di 2 passaggi. Iniziamo calibrando, cioè impostando il dispositivo sui valori standard desiderati. A questo segue la profilatura, ovvero la determinazione della gamma effettiva del monitor. Alla fine il profilo del monitor viene memorizzato a livello di sistema dal software Palette Master Element.

Usa il software Palette Master Element in “Modalità estesa” perché solo così puoi personalizzare completamente i 3 parametri Punto di bianco, Luminosità e Gamma.

Ho impostato il punto di bianco nella mia calibrazione su 5800 Kelvin, poiché lavoro molto nell’area di prestampa e il preset D65 (6500 Kelvin) è troppo blu per i miei gusti.

La luminosità dipende dall’illuminazione della stanza, ma 120 cd/m² è un buon punto di partenza.

Se le stampe devono essere più chiare o più scure, puoi creare una nuova calibrazione con un valore più alto o più basso.

Il valore gamma è 2,2 indipendente dal sistema operativo. Se hai creato un flusso di lavoro L*, a questo punto puoi anche selezionare L*. L* è riferito alla percezione umana della luminosità.

Sono disponibili due slot per la calibrazione. È possibile passare da una schermata all’altra nel menu su schermo nell’area Regolazione colore, quindi selezionare i preset per le diverse applicazioni (Web/stampa).

In base al tipo di profilo è possibile scegliere tra LUT 3D e profilo Matrix. Il profilo LUT è molto più preciso, ed è quello che scelgo.

Il numero di campi di misura è impostato su “grande” e quindi viene misurato il numero massimo di campi di colore durante la profilazione. Questo richiede un po’ più di tempo, ma se ne guadagna in precisione: in questo caso, però, è tempo ben speso.

Palette Master Element ha due preset speciali per il video. Dall’introduzione di HDTV (televisione ad alta definizione), è stato introdotto per la prima volta in tutto il mondo uno standard di colore uniforme. È descritto con ITU-R BT.709 e si chiama REC 709. Lo standard DCI-P3 è un nuovo standard di dinamica dei colori per la proiezione cinematografica digitale. La gamma di colori è stata progettata per adattarsi a quella dei film nel modo più preciso possibile. Rispetto a ITU-R BT.709, la gamma di colori è quindi relativamente grande. Include anche toni più intensi di verde e rosso.

Il resto è fatto dal software Palette Master Element. Posiziona il dispositivo di misurazione seguendo le istruzioni sullo schermo. Assicurati che gli screensaver siano disabilitati. Il profilo del monitor viene memorizzato nella cartella di sistema e utilizzato immediatamente.

Ripeti la calibrazione ogni quattro-sei settimane.

È anche possibile eseguire un test della calibrazione.

QUI puoi trovare il registro della mia calibrazione corrente.

A questo punto, spero che la mia richiesta di un’opzione di test ancora più dettagliata con più campi di misurazione sarà soddisfatta in una versione futura del software Palette Master Element. Avremmo quindi un risultato significativo che ci certifica “nero su bianco” la consistenza cromatica sorprendente dell’SW320, secondo il detto: “Carta canta!”.

Dopo l’esecuzione, è possibile utilizzare in modo efficiente le funzioni Softproof di Photoshop e Lightroom. Ti serve una fonte di luce standard per il confronto tra stampa e schermo! Tieni presente che anche la luce ambientale ha un effetto sul display e utilizza inoltre il profilo di carta appropriato e lo stesso rendering nel Softproof che hai utilizzato anche per la stampa (percettiva o colorimetrica relativa).

HOTKEY PUCK

Non avevo mai visto questo innovativo sistema di gestione dell’OnScreenDisplay nei prodotti di nessun altro produttore. Ti consente di navigare rapidamente e facilmente attraverso le singole impostazioni del menu del monitor. Le immagini dicono più di 1000 parole, quindi basta guardare il video per imparare come funziona.

La modalità B/N

Usando l’Hotkey Puck puoi portare l’SW320 in modalità B/N. Potremmo discutere sull’utilità di questa funzione, perché l’ambizioso amante del B/N impiega molto tempo a gestire la corretta conversione da RGB a scala di grigi. Forse questa modalità viene utilizzata quando si desidera visualizzare in B/N un’intera cartella piena di immagini per semplificare la ricerca del motivo giusto.

32 pollici contro 27 pollici

Dalle due immagini che seguono ho creato un confronto diretto delle dimensioni tra SW320 e SW2700PT. Raramente abbiamo la possibilità di vedere questa differenza.

Il SW320 è regolabile in altezza per 150mm. Naturalmente, entrambi i monitor possono essere utilizzati anche in formato verticale. Il paraluce anti-riflesso è incluso anche nella scatola dell’SW320. Davvero un’ottima cosa per il lavoro in uno studio fotografico!

31,5 pollici con risoluzione UHD 3840 x 2160 pixel

Lo standard DCI 4K ha una risoluzione di 4096 x 2160 pixel ed è più grande dei 3840 x 2160 pixel della risoluzione UHD. DCI 4K è uno standard di produzione professionale e cinematografica.

Alta gamma dinamica (HDR)

Con questa funzione, BenQ aumenta la gamma dinamica complessiva tra bianco e nero, che rende l’immagine più vicina a ciò che l’occhio vede in natura. Per riprodurre i contenuti HDR senza problemi sul monitor, assicurati che il monitor sia collegato con il cavo HDMI in dotazione o un altro cavo HDMI Premium ad alta velocità.

Color Display Clone

Il sensore di luce ambientale integrato sul lato superiore, in combinazione con questo software, può adattare automaticamente il monitor al variare della condizione di luce ambientale. A prescindere dal sensore, è buona norma avere sempre le stesse condizioni di luce. È possibile utilizzare il software solo su Windows 7/8/10 ed è disponibile a 32 e 64 bit. Puoi scaricare gratuitamente la guida per l’utente di Color Display Clone.

Conclusione

Un monitor UHD da 32 pollici con calibrazione hardware con queste caratteristiche a un prezzo di circa 1500 € IVA inclusa è qualcosa che hai cercato per molto tempo!

L’SW320 è un monitor dal design superbo con un’eccezionale risoluzione UHD, che non vorrei più non avere quando lavoro con Rhino. Il paraluce antiriflesso è davvero ben rifinito e le parti speciali per la protezione del lato lungo destro e sinistro del monitor sono incluse nella confezione. Per altri monitor bisogna acquistarlo a parte.

L’omogeneità è più che soddisfacente rispetto alle dimensioni del display. Negli angoli più esterni si possono notare alcune aree più luminose.

Lo spazio colore non lascia nulla a desiderare e, grazie alla fedeltà dei 10 bit, anche i gradienti più fini vengono riprodotti senza scalinature! L’importante è che tutti i componenti, come la scheda grafica del computer e i cavi utilizzati, supportino l’alta risoluzione, la profondità del colore in uscita e la frequenza di aggiornamento di 60Hz.

La calibrazione con il software BenQ è semplice, ma richiede parecchio tempo rispetto ad esempio ai monitor Eizo. BenQ fornisce l’SW320 con una garanzia di tre anni, compreso il servizio di sostituzione in loco.

Puoi scaricare le istruzioni per il BenQ SW320.

Sono a vostra disposizione per domande in merito alla gestione del colore. Non esitate a mandarmi una mail a info@andreasmoos.de, o semplicemente chiamatemi: +49178 5580837.

Monitor per fotografi da 31,5 pollici e Adobe RGB | SW320

 

 

  • 31.5 Inch 3840 x 2160 UHD Resolution
  • 99% Adobe RGB Color Space With IPS technology
  • High Dynamic Range (HDR)
  •  

     

    TOP