Centro informazioni BenQ

Cos’è la gamma cromatica?

BenQ Color Technology Lab
2019/08/21

La definizione di gamma cromatica

La gamma cromatica è definita come la gamma di colori che un determinato dispositivo è in grado di riprodurre o registrare. Di solito è mostrata come un’area chiusa con i colori primari del dispositivo all’interno del diagramma di cromaticità. Ad esempio, i colori primari del monitor sono rosso, verde e blu; quindi, la gamma cromatica del monitor è mostrata in un’area triangolare racchiusa dalle coordinate di colore dei colori rosso, verde e blu del monitor. Un diagramma di cromaticità con diverse gamme cromatiche è mostrato nella Figura 1.

Gamma cromatica nelle coordinate di colore xy CIE 1931

Figura 1: Gamme cromatiche tracciate sul diagramma di cromaticità CIE 1931

 

Un aspetto molto importante della gamma cromatica è che è tridimensionale, non bidimensionale. Questo perché, quando descriviamo un colore, di solito è composto da tre componenti: tonalità, saturazione e luminosità. Poiché la gamma cromatica è una raccolta di colori, è logico che possa essere descritta anche con tonalità, saturazione e luminosità. Quindi, quando tracciamo la gamma cromatica, il risultato dovrebbe essere un grafico tridimensionale, come mostrato nella Figura 2. Tuttavia, tracciare un grafico tridimensionale non è mai facile, anche al giorno d’oggi. Di conseguenza, utilizziamo spesso un grafico bidimensionale per rappresentare una gamma cromatica, come mostrato nella Figura 1. La dimensione mancante è la luminosità, che è perpendicolare allo schermo o alla carta.

Figura 2: Rappresentazione tridimensionale della gamma cromatica

 

Standard di gamma cromatica comuni

La gamma cromatica più comune potrebbe essere “NTSC” (fondata nel 1953 da FCC) che, tuttavia, non è la gamma standard. “SRGB” è la gamma cromatica standard, standardizzata da IEC dal 1999. Il motivo per standardizzare una gamma cromatica era di promuovere un modo più semplice per la riproduzione dei colori. Se tutti i dispositivi a colori, tra cui fotocamere digitali, scanner, monitor, stampanti, videoproiettori e così via, possono riprodurre correttamente la gamma cromatica sRGB, le immagini possono essere riprodotte in modo molto simile su questi dispositivi a colori. Questo fenomeno è dovuto al fatto che i dispositivi a colori hanno la stessa capacità di registrazione (ovviamente dopo una corretta calibrazione), visualizzazione o stampa della stessa gamma di colori e quindi, per la stessa immagine, la variazione di colore riprodotta su dispositivi diversi sarà limitata. Pertanto, potrebbe essere possibile raggiungere la fedeltà del colore o la gestione del colore. Questo è anche il concetto di riproduzione dei colori all’interno della gamma.

Tuttavia, al fine di ottenere la fedeltà del colore o la gestione del colore, devono essere concordate le coordinate esatte R, G e B del colore sul diagramma di cromaticità. Ogni coppia di coordinate di colore specifica un colore distinto o unico. Ad esempio, (x, y) = (0,64, 0,30) non è uguale a (x, y) = (0,63, 0,29), anche se i numeri sono molto vicini tra loro. Nel settore dei display, c’è anche un’altra informazione fuorviante. Alcuni produttori di pannelli o marchi di display commercializzano i loro monitor come “72% NTSC” in termini di gamma cromatica definendoli “compatibili con sRGB”. Sfortunatamente, non è così. Prendiamo le coordinate di colore da ciascuna gamma cromatica dalla Tabella 1 e calcoliamo l’area di ciascuna gamma. Quello che scopriamo è che il rapporto di area di sRGB rispetto a NTSC è 0,72 a 1. È qui che è nato il concetto fuorviante che il 72% di NTSC è pari a sRGB. L’interpretazione corretta è “il numero di colori che sRGB può riprodurre è uguale al 72% del totale dei colori riprodotti da NTSC, ma i colori riprodotti non sono necessariamente gli stessi”. Questo perché l’unica cosa in comune al 72% è il rapporto dell’area, mentre non ci sono informazioni sulle coordinate di colore R, G e B. Pertanto non è possibile dire che il 72% della gamma cromatica NTSC sia uguale alla gamma di colori sRGB. Di conseguenza, quando si confrontano due gamme cromatiche ha senso solo parlare di “tasso di copertura”. L’esempio è mostrato in Figura 3. Sul lato sinistro, entrambe le gamme cromatiche hanno lo stesso rapporto di area, ma non si sovrappongono al 100%. Sul lato destro, solo una certa quantità della gamma cromatica del monitor copre sRGB, e non è il 100%. È chiaro che questo particolare monitor non è in grado di riprodurre il 100% di sRGB, in termini di colore.

Gamma cromatica e coordinate di colore R, G e B associate

Color Gamut

 

1931 x-coordinate

1931 y-coordinate

Color Gamut

NTSC

 

R

1931 x-coordinate

0.67

1931 y-coordinate

0.33

Color Gamut

G

 

0.21

1931 x-coordinate

0.71

Color Gamut

B

 

0.14

1931 x-coordinate

0.08

Color Gamut

sRGB

 

R

1931 x-coordinate

0.64

1931 y-coordinate

0.33

Color Gamut

G

 

0.30

1931 x-coordinate

0.60

Color Gamut

B

 

0.15

1931 x-coordinate

0.06

Color Gamut

AdobeRGB

 

R

1931 x-coordinate

0.64

1931 y-coordinate

0.33

Color Gamut

G

 

0.21

1931 x-coordinate

0.71

Color Gamut

B

 

0.15

1931 x-coordinate

0.06

Color Gamut

DCI-P3

 

R

1931 x-coordinate

0.680

1931 y-coordinate

0.320

Color Gamut

G

 

0.265

1931 x-coordinate

0.690

Color Gamut

B

 

0.150

1931 x-coordinate

0.060

Color Gamut

Rec. 2020

 

R

1931 x-coordinate

0.708

1931 y-coordinate

0.292

Color Gamut

G

 

0.170

1931 x-coordinate

0.797

Color Gamut

B

 

0.131

1931 x-coordinate

0.046

Figura 3: Esempio di due gamme cromatiche con lo stesso rapporto di area, ma che non si sovrappongono

 

Naturalmente, ci sono molte altre gamme cromatiche oltre a NTSC e sRGB. Ad esempio, AdobeRGB, DCI-P3, EBU, AppleRGB ecc. Tutte hanno le proprie coordinate di colore R, G e B, i punti bianchi associati e le specifiche di luminosità e, naturalmente, la propria applicazione. Ad esempio, AdobeRGB è progettata per l’uso nell’industria delle arti grafiche, principalmente per scopi di stampa, DCI-P3 è utilizzata principalmente nel cinema digitale, mentre EBU è utilizzata nell’industria europea delle telecomunicazioni. Rec. 2020 è uno standard di nuova concezione per tutti i dispositivi che saranno disponibili in futuro e rappresenta quasi tutti i colori che l’uomo può percepire.

Quale gamma cromatica dovrei scegliere?

La scelta della gamma cromatica dipende molto dal flusso di lavoro e dalle esigenze. Se lavori principalmente con foto e il tuo output finale sarà una stampa cartacea, allora “AdobeRGB” potrebbe essere la scelta migliore per la gamma cromatica del tuo flusso di lavoro. Se l’output è un album online o la condivisione su Facebook, il consiglio è di modificare le foto nella gamma cromatica “AdobeRGB” per mantenere la maggior parte dei colori, quindi convertirle in “sRGB” prima di pubblicarle online. Poiché attualmente i browser supportano solo la gamma cromatica “sRGB”, qualsiasi altra gamma più ampia di sRGB viene considerata come “ampia gamma cromatica” e non verrà gestita correttamente. Quindi, se le tue foto vengono manipolate o migliorate nella gamma cromatica “AdobeRGB”, potrebbero apparire piuttosto pallide e desaturate quando vengono pubblicate online. Pertanto, la miglior cosa da fare per evitare questo disastro è convertire le foto in “sRGB” prima di pubblicarle online.

Se lavori con i video, l’ultima tendenza è quella di passare da “Rec. 709” a “DCI-P3” o “Display P3”. “DCI” sta per Digital Cinema Initiative e P3 si riferisce a una serie di condizioni di visione. I moderni cinema sono in grado di riprodurre completamente una gamma cromatica vivida utilizzando i sistemi di proiezione cinematografica digitale. Tuttavia, a causa del sistema di proiezione, il punto di bianco di DCI-P3 era stato scelto per essere un bianco verdastro. Apple, YouTube, Netflix e altri fornitori di contenuti video hanno adottato la stessa gamma cromatica di DCI-P3 ma hanno utilizzato D65 come punto di bianco, e l’hanno chiamata “Display P3”. Nella maggior parte dei monitor e televisori si apprezza maggiormente un bianco neutro, che per questo sta guadagnando popolarità nel settore della post-produzione video.

Sommario

In questo articolo abbiamo visto la definizione di gamma cromatica e qual è la sua rappresentazione in un diagramma di cromaticità. La gamma cromatica dovrebbe essere rappresentata in un grafico tridimensionale, ma si usa invece un grafico bidimensionale per una rappresentazione più semplice. Abbiamo anche parlato del motivo per standardizzare una gamma cromatica, sRGB, per facilitare la corrispondenza dei colori all’interno della gamma su diversi dispositivi a colori. Inoltre, è stato discusso e chiarito anche il concetto fuorviante del 72% di NTSC che non è pari a sRGB. L’uguaglianza del rapporto di area della gamma cromatica non garantisce necessariamente la stessa capacità di resa dei colori. Invece, quando si confrontano due gamme cromatiche, si dovrebbe considerare il tasso di copertura. Alla fine, abbiamo esaminato diverse gamme cromatiche e le loro applicazioni. Abbiamo anche imparato come scegliere la gamma cromatica corretta e mantenere la coerenza dei colori per la pubblicazione di foto online.

TOP