Centro informazioni BenQ

Schermo opaco o lucido: qual è il migliore?

BenQ
2020/01/23
 A monitor user suffering from glare caused by glossy screen while matte screen stays clear

Tutti i tipi di schermo, dalle TV di grandi dimensioni, ai monitor e agli smartphone, sono realizzati con materiali opachi o lucidi. Ogni tipologia è caratterizzata da alcuni aspetti positivi e negativi, proprio come qualsiasi altra cosa della vita, ma nel caso dei monitor, francamente, ci sentiamo di consigliare fin da ora l’utilizzo di schermi opachi. Sarà difficile trovare monitor lucidi e ciò per un valido motivo. I materiali di rivestimento lucidi affaticano spesso gli occhi a causa dei riflessi e dei riverberi mentre i materiali opachi offrono un’esperienza di utilizzo più piacevole. Vediamo comunque la questione più nel dettaglio. 

Schermi lucidi: belli ma poco pratici
glossy monitor screen shows a cathedral by a river

I monitor lucidi e brillanti sono realizzati con polimeri o vetri riflettenti. L’elevato livello di trasparenza consente il passaggio di quasi tutta la luce emessa dallo schermo e ciò permette di visualizzare immagini molto vivide. Gli schermi lucidi offrono neri più profondi, bianchi più luminosi e colori più vivaci rispetto agli schermi opachi. Non sono però privi di aspetti negativi. Anche con il moderno trattamento antiriflesso effettuato utilizzando il fluoruro di magnesio e materiali analoghi, lo svantaggio della bellezza offerta dagli schermi lucidi deriva dalla riflettività. Le TV o i monitor lucidi riflettono tutte le sorgenti di luce presenti dritte negli occhi. Le lampade della camera e le finestre vengono riflesse in modo molto evidente dai materiali lucidi. Invece di goderti la grafica dei videogiochi o di concentrarti sui contenuti di lavoro, con i monitor lucidi ti ritroverai spesso a fissare la tua stessa immagine riflessa e, al contempo, a cercare di riposizionare le lampade sulla scrivania per evitare che creino riflessi sullo schermo.

Ciò non comporta solo molto scompiglio, è anche nocivo per gli occhi. È stato più volte dimostrato che i riflessi affaticano gli occhi e li stancano. Non per niente gli uffici di tutto il mondo scelgono quasi sempre i monitor opachi. Inoltre, le superfici lucide comportano problemi aggiuntivi a causa delle macchie e delle funzionalità touch. Tocca uno schermo lucido e il grasso presente sui polpastrelli resterà piuttosto visibile. La polvere ha un’analoga tendenza ad attaccarsi agli schermi lucidi e per tale motivo è necessaria una manutenzione considerevole per mantenerli puliti.

Ciò detto, se riesci VERAMENTE a controllare le sorgenti luminose nella stanza in cui utilizzi lo schermo e ti assicuri che nessuna sorgente luminosa si rifletta su di esso, i monitor lucidi sono i migliori nella resa delle immagini. I televisori, dai vecchi tubi a raggi catodici ai più recenti OLED/QLED, sono tutti basati su schermi lucidi trattati con prodotti chimici antiriflesso. Vengono sottoposti a tale trattamento perché le TV di grandi dimensioni si trovano di solito in soggiorni nei quali sono assenti le sorgenti luminose che si riflettono direttamente sullo schermo. In tali situazioni, gli schermi lucidi possono andare bene. Per gli utilizzi con computer desktop, vale a dire i casi più frequenti di utilizzo dei monitor, è sconsigliato l’utilizzo di schermi lucidi in quanto, nelle vicinanze, sono solitamente presenti delle sorgenti luminose ed è impossibile evitare i riflessi. 

Monitor opachi: un compromesso ragionevole
Matte monitor screen shows a European cathedral chruch by a river

Sì, oggettivamente gli schermi opachi non appaiono così belli come quelli lucidi. Ma ciò vale negli ambienti sottoposti a un controllo elevato. Nella realtà quotidiana, gli schermi con superfici opache sono quelli più pratici e affidabili.

Gli schermi opachi vengono realizzati con superfici di plastica create con vari polimeri sottoposti a un processo di corrosione. Indipendentemente dal fatto che avvenga in modo meccanico o chimico, il trattamento porta alla formazione di un elevato numero di scanalature e incisioni sulla superficie dello schermo. Ciò riduce la riflettività in quanto porta alla dispersione della luce che colpisce il monitor. Sebbene sia ancora possibile percepire qualche riflesso di lieve entità, non sarà mai nemmeno paragonabile a quanto avviene con i monitor lucidi.

Tuttavia, va da sé che gli schermi in grado di ostacolare i riflessi luminosi ostacolano anche il passaggio della luce. Mentre gli schermi lucidi permettono a qualsiasi immagine di trasparire in modo quasi inalterato, gli schermi opachi bloccano una quantità molto maggiore della luce emessa dai monitor. In sostanza, gli schermi opachi riducono la luminosità delle immagini e, di fatto, la resa stessa delle immagini. È possibile che alcuni particolari di minore entità non vengano visualizzati nel modo migliore, che si abbassi il contrasto e i colori non appaiano così vividi come avviene con gli schermi lucidi.

Non è però necessario che i tuoi poveri occhi sopportino riflessi stressanti e fastidiosi. Non c’è nemmeno bisogno di aver paura di toccare lo schermo, in quanto sui monitor opachi le impronte digitali non sono così vistose come sugli schermi lucidi. Di conseguenza, quando si parla di monitor, i dispositivi opachi costituiscono la scelta migliore. Non è necessario preoccuparsi di posizionare una lampada vicino alla postazione di gioco o di lavoro, in quanto i riflessi non rappresenteranno più un problema. Non devi contare fino a dieci prima di aprire le tende e lasciare entrare un po’ di luce. Con gli schermi opachi, la luce non è un nemico.

A differenza delle TV, gli schermi opachi sono la scelta più ovvia per i monitor, in particolare per il fatto che la luminosità dei monitor moderni è in continuo aumento. Sebbene fino a cinque anni fa fossero ancora accettabili gli schermi da 300 nit, è ora possibile reperire facilmente monitor da 500-1000 nit compatibili con gli standard DisplayHDR 400 e DisplayHDR 1000. I monitor diventano sempre più luminosi ma i materiali opachi sono sempre gli stessi per cui è maggiore la quantità di luce che filtra attraverso la protezione antiriflesso. In parole povere, la qualità delle immagini degli schermi opachi è in continuo miglioramento. Nella maggior parte dei casi è difficile cogliere la differenza. 

Non avere paura della luce

Indipendentemente dall’intenzione di lavorare, giocare o guardare un film, se intendi farlo con un monitor, la cosa migliore è utilizzare i monitor opachi. Tieni i dispositivi lucidi al loro posto, in soggiorno. Per quanto riguarda i monitor, i materiali opachi evitano all’utente di doversi preoccupare dei riflessi e dell’affaticamento oculare. Perché dovresti scegliere qualcos’altro? 

TOP