Come i display interattivi di BenQ possono ridurre al minimo la diffusione dei germi nelle aule

  • BenQ
  • 2020-04-20

Le nuove tecniche di apprendimento interattivo stanno rapidamente diventando la norma nello sforzo di aumentare il rendimento degli studenti. Ma molti dei comportamenti richiesti per l'apprendimento interattivo di gruppo possono inconsapevolmente diffondere pericolosi agenti patogeni ad altri studenti, alle loro famiglie e ad altri. Questo è un problema relativamente nuovo nell'educazione, poiché il modello tradizionale di utilizzare un proiettore come display principale limitava il contatto fisico degli oggetti comuni in classe.

Negli ambienti di apprendimento interattivi, gli studenti scrivono sulle lavagne interattive con le dita, fanno attività di gruppo insieme, e magari risolvono lo stesso problema fianco a fianco sullo stesso display. Mentre queste attività aiutano gli studenti ad imparare, possono anche essere una fonte di diffusione di agenti patogeni.

Uso di rivestimenti antimicrobici per controllare i germi

Le aule sono solo un ambiente in cui gli oggetti comuni sono condivisi tra più persone. Gli ospedali devono affrontare la sfida di fornire cure di qualità utilizzando le attrezzature più recenti e minimizzando il rischio di infettare altri pazienti. Questo ha portato allo sviluppo di materiali antimicrobici di grado medico. Per esempio, le stazioni di cura portatili per l'isolamento medico sono rivestite di vernice antimicrobica per ridurre il rischio di infezione per infermieri e pazienti.


Molti articoli che si trovano in un teatro chirurgico hanno anche una protezione antimicrobica integrata, come l'illuminazione chirurgica, i pannelli tattili e altri dispositivi che vengono maneggiati frequentemente per evitare la contaminazione incrociata. Nel 2018, BenQ è stata la prima azienda a riconoscere l'opportunità di proteggere gli studenti con gli stessi tipi di rivestimenti protettivi che sono ormai comuni negli ospedali.

La nanotecnologia degli ioni d'argento funziona per batteri e virus?

Nei giorni prima che il latte potesse essere pastorizzato o refrigerato, la gente faceva cadere una moneta d'argento in una bottiglia per conservarlo. Lo sviluppo della nanotecnologia che utilizza particelle di ioni d'argento è stato intrapreso sulla base delle prime ricerche dell'Università del Texas sull'efficacia della riduzione dei batteri su varie superfici utilizzando questi diversi tipi di metallo come agenti attivi, compresi l'oro e l'argento.




Nel 2011, i ricercatori dell'Università di Napoli hanno pubblicato un documento che dettagliava come la nanotecnologia degli ioni d'argento ha dimostrato di avere risultati positivi in alcuni diversi tipi di virus. Questo ha spinto la ricerca in corso su questa tecnologia per migliorare l'efficacia della tecnologia e ampliare il numero e i tipi di virus che possono essere controllati. Oggi ci sono dozzine di articoli accademici da tutto il mondo che dettagliano i risultati su come questa tecnologia viene utilizzata contro vari tipi di agenti patogeni.

L'applicazione di BenQ del rivestimento agli ioni d'argento sui display interattivi

Il vetro usato per i display interattivi è abbastanza complesso, e rivestirli con la nanotecnologia degli ioni d'argento è una sfida ingegneristica significativa, specialmente data la grande dimensione di questi display e la necessità di altri elementi come i rivestimenti antiriflesso e i requisiti di durezza per evitare che gli studenti rompano facilmente il vetro.

Mentre la stragrande maggioranza dei display interattivi venduti oggi negli Stati Uniti utilizza un vetro standard di serie, il vetro utilizzato nella serie RP di BenQ è diverso. Per rendere efficace il rivestimento agli ioni d'argento, il vetro deve essere rivestito con le nanoparticelle in una fabbrica speciale, dove viene inserito con altri rivestimenti (come i composti antiriflesso) o miscelato con precisione in una ricetta proprietaria che permette al pannello di essere poi polimerizzato. Questi rivestimenti possono essere applicati a display grandi fino a 86 pollici, ma richiedono attrezzature costose - e una manipolazione speciale per assicurare che questi grandi pezzi di vetro non si incrinino o rompano durante il processo. Dopo che i pannelli sono polimerizzati, vengono inviati per essere integrati nella cornice del pannello interattivo.

Test di certificazione TÜV per l'efficacia

L'ultima parte del processo di applicazione del rivestimento nanotecnologico agli ioni d'argento su pannelli piatti interattivi per le scuole e le aziende è quella di convalidare che funzioni. La storia è disseminata di prodotti che offrivano benefici per la salute - solo per fallire quando testati da una terza parte legittima. Per garantire l'efficacia del suo rivestimento agli ioni d'argento, ogni modello BenQ viene testato dal TÜV.

Con sede a Monaco, in Germania, TÜV è uno dei più grandi laboratori di test e certificazione del mondo, con quasi 600.000 certificati emessi. Per i test antimicrobici, l'azienda dispone di laboratori avanzati di test microbiologici che convalidano se un prodotto fornisce una soluzione efficace, e lo certificano per vari tipi di agenti patogeni.

Certificazioni e istruzioni per la pulizia di BenQ

Ogni pannello BenQ è certificato contro due tipi principali di batteri. Mentre la tecnologia può essere efficace su altri tipi di patogeni, siamo il primo display interattivo con risultati certificati sui due principali tipi di batteri che rappresentano una minaccia significativa per la salute pubblica.

E-coli (Escherichia coli)

L'E-coli è un patogeno ben noto e ha una durata di vita eccezionalmente lunga sulle superfici. Uno studio indica che il batterio può vivere 90 giorni sia nel terreno che su diversi tipi di superfici. I pannelli interattivi BenQ con nanotecnologia a ioni d'argento si sono dimostrati efficaci nel ridurre l'E-coli sul pannello.

Staphylococcus

Questo pericoloso batterio può diffondersi da persona a persona per contatto diretto o attraverso oggetti contaminati, o, meno spesso, per inalazione di goccioline infette disperse da starnuti o tosse. Anche il rivestimento di BenQ sui suoi display è stato testato dal TÜV e certificato per ridurre l'agente patogeno sulla superficie del vetro.


Uso e manutenzione dei display interattivi BenQ

Il rivestimento ionico d'argento del pannello BenQ è fuso al vetro, simile ad altri rivestimenti come quello antiriflesso. Al fine di garantire l'integrità dei rivestimenti antiriflesso e antimicrobici, si consiglia di pulire il pannello con un panno umido (non spruzzare liquidi direttamente sullo schermo) utilizzando alcol isopropilico al 70%. Questa formula può essere utilizzata anche per pulire la custodia, il vassoio e le penne che studenti e insegnanti toccheranno.

Secondo l'EPA, questo sarà efficace sia contro i batteri che contro i virus che entrano in contatto con la formula. Questo è stato anche testato per garantire che i rivestimenti del pannello non siano compromessi. Poiché la custodia che circonda il vetro ha un'elettronica sensibile ai liquidi per tracciare il movimento della penna e delle dita, si prega di fare attenzione a non esporla all'umidità, o usare altri prodotti di pulizia perché questo potrebbe danneggiare i rivestimenti dello schermo che potrebbero compromettere i suoi benefici di sicurezza.

Altre caratteristiche di sicurezza del pannello interattivo BenQ

Tutti i pannelli interattivi BenQ hanno due ulteriori certificazioni di sicurezza che sono importanti sia per l'istruzione che per le applicazioni aziendali. Anche queste funzioni sono state testate e certificate dal TÜV per l'efficacia.


Luce blu bassa

Come ogni giocatore professionista di e-sports o editor di foto confermerà, l'eccessiva esposizione alla luce blu è qualcosa da evitare. I ricercatori della salute dell'Università di Harvard hanno espresso la loro preoccupazione per gli alti livelli di luce blu, e la CNN ha riferito di studi in Spagna che possono collegare l'eccessiva esposizione alla luce blu ad alcuni tipi di cancro se esposti alla luce blu di notte. I pannelli di BenQ offrono tutti una modalità di luce blu bassa per ridurre l'esposizione alla luce blu del pannello.

Flicker-Free LED Backlight

Secondo una ricerca fatta all'Università di Essex in Inghilterra, alcuni tipi di luce LED potrebbero essere responsabili del mal di testa nelle giuste condizioni. Come uno dei più grandi produttori di monitor da gioco e di ingegneria nel mondo, BenQ ha inventato la prima retroilluminazione LED senza sfarfallio al mondo per i suoi display nel 2016. Questa tecnologia è stata ora certificata dal TÜV come l'eliminazione dello sfarfallio dei LED, che è particolarmente importante quando si guardano i pannelli da 75 e 86 pollici di dimensioni maggiori.